Diabete: scoperti con screening in farmacie oltre 4000 casi su 160mila persone

In soli 11 giorni 160313 persone si sono sottoposte al test gratuito sul diabete in farmacia nell'ambito della campagna DiaDay realizzata in 5671 farmacie italiane. Uno screening che ha consentito di individuare 4415 persone che non sapevano di avere il diabete (il 3% dei soggetti che si sono sottoposti allo screening senza aver ricevuto in precedenza una diagnosi di diabete). Obiettivo della campagna (nel video sotto lo spot del testimonial Pino Insegno) è individuare tre tipologie di casi: soggetti con diabete non diagnosticato, soggetti in condizione di prediabete e soggetti normali comunque a rischio di sviluppare la patologia nell'arco dei prossimi 10 anni. I soggetti monitorati sono stati per il 60% donne e per il 40% uomini. La preponderanza femminile corrisponde anche a una maggior frequentazione delle farmacie da parte delle donne (sono loro che solitamente si occupano della salute di figli, anziani e coniugi, oltre che della propria).
Dei 160313 soggetti esaminati, l'82% ha più di 44 anni; il 44% ha più di 64 anni. Anche questo dato rispecchia l'età adulta/anziana degli utenti della farmacia. I giovani/adulti fino a 34 anni rappresentano il 6,81% del campione. Una percentuale contenuta che è però di grande importanza perché scoprire il diabete o una condizione di prediabete in giovane età permette di contrastarne da subito nel migliore dei modi l'evoluzione. Il 37% dei soggetti è stato esaminato dopo digiuno notturno. Il 63% ha fatto l'autoanalisi della glicemia in un qualunque momento della giornata, non dopo digiuno notturno. La distinzione è importante perché la diagnosi di prediabete si può fare solo sulla base di valori di glicemia rilevati dopo digiuno notturno.
La scoperta di diabete in un soggetto che non sa di esserlo risulta dal valore della glicemia (uguale/maggiore di 200 mg/dl), indipendentemente dalla condizione di digiuno o non digiuno.
Ovviamente un paziente diabetico ben trattato può presentare valori normali di glicemia.

Sui 160313 soggetti esaminati ne sono risultati diabetici 19077 (11.90% del campione). Di questi, 14662 sono persone che hanno dichiarato nel questionario di aver ricevuto una diagnosi pregressa di diabete; 4415 persone che, invece, non sapevano di avere il diabete. Di tutti i soggetti risultati affetti da diabete, il 64,07% ha più di 64 anni e il 19,63% ha tra i 55 e i 64 anni. Ma il dato più interessante è quello che riguarda i giovani adulti: l'1,95% dei soggetti con diabete ha un'età inferiore a 34 anni. La patologia risulta equamente distribuita tra uomini (50,42%) e donne (49,58%). Su 141236 soggetti esaminati (cioè 160mila casi totali al netto dei 19mila soggetti diabetici), 18881 persone sono risultate prediabetiche (13.37%). Di queste, due terzi presentavano valori di glicemia a digiuno compresi tra 100 e 110 mg/dl; un terzo aveva la glicemia a digiuno tra 111 e 125 mg/dL. La condizione di prediabete interessa con moderata prevalenza le donne (53%) e in misura leggermente minore gli uomini (47%). Il 2,57% dei soggetti risultati prediabetici ha meno di 34 anni. La percentuale è contenuta ma di enorme importanza perché queste persone, adottando opportuni comportamenti alimentari e stili di vita potranno in gran parte evitare di sviluppare il diabete a distanza di alcuni anni, quindi in età ancora giovane. La maggior parte delle diagnosi di prediabete riguarda soggetti ultrasessantaquattrenni (55,48%). Se si considerano anche le fasce di età 45-54 e 55-64 si osserva che oltre il 90% dei soggetti esaminati si trova in condizione di prediabete.

Il questionario "Diabetes risk score" (Drs), somministrato ai clienti della farmacie, ha consentito di calcolare, nei soggetti prediabetici e in quelli normali, il rischio di sviluppare il diabete nell'arco dei prossimi dieci anni. Il risultato è dato da un punteggio calcolato in base alle risposte a domande che riguardano lo stile di vita, le abitudini alimentari, la familiarità con la patologia e le caratteristiche personali (per esempio: età, misura del giro vita). La diagnosi di prediabete in questo contesto di ricerca (che non prevede un carico orale di glucosio) può essere fatta solo con la determinazione della glicemia a digiuno. La diagnosi di diabete, invece, presuppone il rilievo di una glicemia a digiuno eguale o superiore a 125 mg% o di una glicemia in qualunque momento della giornata eguale o superiore a 200 mg%.

I dati raccolti durante lo screening evidenziano come i prediabetici con un rischio elevato (1:3) di sviluppare la patologia nei prossimi 10 anni siano soprattutto ultrasessantaquattrenni (65,35%), seguiti dalla fascia di età 55-64 anni (23,70%). Analogo il trend per quanto riguarda il rischio molto elevato (1:5). Per quanto riguarda i soggetti normali (122355 casi, cioè la popolazione monitorata al netto dei diabetici e dei prediabetici) il rischio elevato/molto elevato di sviluppare il diabete riguarda quasi il 20% del campione, mentre il rischio moderato (1:6) interessa il 21,53%.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=